di Redazione
15 Marzo 2019

Capitolo 3
“Between Catastrophe and Chaos” Luglio 1979

Gli scienziati convocati da Jule Charney per giudicare il destino della civiltà arrivarono il 23 luglio 1979, con le loro mogli, figli e borse per il fine settimana in un palazzo a tre piani in Woods Hole, sulla punta sud-occidentale di Cape Cod. Avrebbero esaminato tutta la ricerca scientifica disponibile e deciso se la Casa Bianca dovesse prendere sul serio la previsione di Gordon MacDonald di un’apocalisse climatica. I Jason avevano previsto un riscaldamento di due o tre gradi Celsius entro la metà del 21° secolo, ma come Roger Revelle prima di loro, hanno sottolineato le motivazioni di incertezza. Agli scienziati di Charney fu chiesto di quantificare tale incertezza. Dovevano fare le cose per bene: Le loro conclusioni sarebbero state consegnate al presidente. Ma prima avrebbero fatto un pic-nic.

Si sono riuniti con le loro famiglie su una scogliera che domina il porto di Quissett e, a turno, hanno gettato reti piene di aragoste, vongole e mais in un calderone bollente. Mentre i bambini si arrampicavano sul prato ondulato, gli scienziati si mescolavano con una claque di dignitari in visita, il cui status si trovava a metà strada tra l’accompagnatore e il cliente – uomini dei Dipartimenti di Stato, Energia, Difesa e Agricoltura; l’E.P.A.; la National Oceanic and Atmospheric Administration. Si scambiarono convenevoli e ammirarono il tramonto. Era una giornata calda ma la brezza del porto era salata e fresca. Non sembrava l’alba di un’apocalisse. I funzionari governativi, molti dei quali scienziati stessi, cercarono di reprimere il timore per le leggende presenti: Henry Stommel, il più importante oceanografo del mondo; il suo protetto, Carl Wunsch, un Jason; l’allievo del Manhattan Project Cecil Leith; il fisico planetario di Harvard Richard Goody. Questi erano gli uomini che, negli ultimi tre decenni, avevano scoperto i principi fondamentali alla base delle relazioni tra sole, atmosfera, terra e oceano – vale a dire, il clima.

La gerarchia fu resa evidente durante le sessioni del workshop, che si tennero nella rimessa accanto: gli scienziati si sedettero ai tavoli disposti in un rettangolo, mentre i loro osservatori federali si sedettero lungo il perimetro della stanza, compiendo l’azione come in un’arena. I primi due giorni di incontri non furono però un granché come spettacolo, poiché gli scienziati riesaminarono i principi base del ciclo del carbonio, della circolazione oceanica, del trasferimento radiativo. Il terzo giorno, Charney introdusse un nuovo elemento: un altoparlante nero, collegato ad un telefono. Telefonò e Jim Hansen rispose.

Charney chiamò Hansen perché aveva capito che per determinare l’esatta portata del riscaldamento futuro, il suo gruppo avrebbe dovuto avventurarsi nel regno dei mondi speculari. Jule Charney stesso aveva usato un modello di circolazione generale per rivoluzionare le previsioni del tempo. Ma Hansen era uno dei pochi esperti di modellazione che avevano studiato gli effetti delle emissioni di carbonio. Quando, su richiesta di Charney, Hansen pianificò il suo modello per considerare un futuro con un raddoppio del biossido di carbonio, predisse un aumento della temperatura di quattro gradi Celsius. Il surriscaldamento era il doppio di quello previsto dal più importante climatologo, Syukuro Manabe, il cui laboratorio statale a Princeton è stato il primo a modellare l’effetto serra. La differenza tra le due previsioni – tra un surriscaldamento di due gradi Celsius e quattro gradi Celsius – era la differenza tra barriere coralline danneggiate e nessuna barriera corallina, tra foreste diradate e foreste circondate dal deserto, tra catastrofe e caos.

Nella rimessa, la voce incorporea di Jim Hansen spiegò, in un tono tranquillo e concreto, come il suo modello soppesasse le influenze di nuvole, oceani e neve sul surriscaldamento. Gli scienziati più anziani lo interrompono, facendo domande; quando non comunicano al telefono, Charney le ripete sottovoce. Le domande continuavano ad arrivare, spesso prima che il loro giovane intervistato potesse finire le sue risposte, e Hansen si chiedeva se non sarebbe stato più facile per lui guidare per cinque ore e incontrarli di persona.

Tra i membri del gruppo di Charney c’era Akio Arakawa, un pioniere della modellazione al computer. L’ultima notte a Woods Hole, Arakawa rimase nella sua stanza d’albergo con le stampe dei modelli di Hansen e Manabe che coprivano il suo letto matrimoniale. La discrepanza tra i modelli, concluse Arakawa, è dovuta al ghiaccio e alla neve. Il biancore dei nevai mondiali rifletteva la luce; se la neve si sciogliesse con un clima più caldo, meno radiazioni sfuggirebbero nell’atmosfera, portando ad un surriscaldamento ancora maggiore. Poco prima dell’alba, Arakawa concluse che Manabe aveva dato troppo poco peso all’influenza dello scioglimento dei ghiacci marini, mentre Hansen l’aveva troppo enfatizzato. La migliore stima si trovava nel mezzo. Il che significava che il calcolo dei Jason era troppo ottimistico. Quando l’anidride carbonica si sarebbe raddoppiata nel 2035 o giù di lì, le temperature globali sarebbero aumentate tra 1,5 e 4,5 gradi Celsius, con il risultato più probabile un surriscaldamento di tre gradi.

La pubblicazione del rapporto di Jule Charney, “Anidride carbonica e clima: Una valutazione scientifica”, alcuni mesi dopo non fu accompagnata da un ricevimento, una parata o addirittura una conferenza stampa. Eppure, ai massimi livelli del governo federale, della comunità scientifica e dell’industria del petrolio e del gas – nella collettività di persone che hanno cominciato a preoccuparsi della futura abitabilità del pianeta – il rapporto Charney arriverà ad avere l’autorevolezza di un fatto certo. Era la somma di tutte le previsioni che erano venute prima, e avrebbe resistito all’esame dei decenni che l’hanno seguito. Il gruppo di Charney aveva considerato tutto quello che si sapeva sull’oceano, il sole, il mare, l’aria e i combustibili fossili e lo aveva distillato in un unico numero: tre. Quando la soglia del raddoppio sarebbe stata raggiunta, come sembrava inevitabile, il mondo si sarebbe riscaldato di tre gradi Celsius. L’ultima volta che il mondo fu più caldo di tre gradi era durante il Pliocene, tre milioni di anni fa, quando i faggi crescevano in Antartide, i mari erano 80 piedi più alti e i cavalli galoppavano lungo la costa canadese dell’Oceano Artico.

Il rapporto Charney ha lasciato a Jim Hansen domande più stringenti. I tre gradi sarebbero stati da incubo e, a meno che le emissioni di carbonio non fossero cessate improvvisamente, i tre gradi sarebbero stati solo l’inizio. La vera domanda era se la tendenza al surriscaldamento potesse essere invertita. C’era tempo di agire? E come sarebbe stato possibile ottenere un impegno globale per smettere di bruciare i combustibili fossili, di preciso? Chi aveva il potere di far accadere una cosa del genere? Hansen non sapeva come iniziare a rispondere a queste domande. Ma lui lo avrebbe capito.

Capitolo 4
“A Very Aggressive Defensive Program” Estate 1979- Estate 1980

Dopo la pubblicazione del rapporto Charney, la Exxon decise di creare un proprio programma di ricerca dedicato al biossido di carbonio, con un budget annuale di 600.000 dollari. Solo la Exxon si poneva una domanda leggermente diversa da quella di Jule Charney. La Exxon non si preoccupava principalmente di quanto il mondo si sarebbe riscaldato. Voleva sapere di quanta parte del riscaldamento Exxon poteva esserle attribuita.

Un ricercatore senior di nome Henry Shaw aveva sostenuto che l’azienda aveva bisogno di una più profonda conoscenza della questione al fine di influenzare le future legislazioni che avrebbero potuto limitare le emissioni di biossido di carbonio. “È nostro dovere avviare un programma difensivo molto aggressivo”, scrisse Shaw in un promemoria a un manager, “perché c’è una buona probabilità che la normativa che riguarda la nostra attività sarà approvata”.

Shaw si rivolse a Wallace Broecker, un oceanografo della Columbia University che fu il secondo autore del rapporto sul biossido di carbonio di Roger Revelle del 1965 per Lyndon Johnson. Nel 1977, in una presentazione all’American Geophysical Union, Broecker predisse che i combustibili fossili avrebbero dovuto essere limitati, sia dalla tassazione che dalle leggi. Più recentemente, aveva testimoniato davanti al Congresso, definendo l’anidride carbonica “il problema ambientale a lungo termine n. 1”. Se presidenti e senatori si sono fidati di Broecker per raccontare loro le brutte notizie, era abbastanza bravo per la Exxon.

Dopo la pubblicazione del rapporto Charney, la Exxon decise di creare un proprio programma di ricerca dedicato al biossido di carbonio, con un budget annuale di 600.000 dollari. Solo la Exxon si poneva una domanda leggermente diversa da quella di Jule Charney. La Exxon non si preoccupava principalmente di quanto il mondo si sarebbe riscaldato. Voleva sapere di quanta parte del riscaldamento Exxon poteva esserle attribuita.

Un ricercatore senior di nome Henry Shaw aveva sostenuto che l’azienda aveva bisogno di una più profonda conoscenza della questione al fine di influenzare le future legislazioni che avrebbero potuto limitare le emissioni di biossido di carbonio. “È nostro dovere avviare un programma difensivo molto aggressivo”, scrisse Shaw in un promemoria a un manager, “perché c’è una buona probabilità che la normativa che riguarda la nostra attività sarà approvata”.

Shaw si rivolse a Wallace Broecker, un oceanografo della Columbia University che fu il secondo autore del rapporto sul biossido di carbonio di Roger Revelle del 1965 per Lyndon Johnson. Nel 1977, in una presentazione all’American Geophysical Union, Broecker predisse che i combustibili fossili avrebbero dovuto essere limitati, sia dalla tassazione che dalle leggi. Più recentemente, aveva testimoniato davanti al Congresso, definendo l’anidride carbonica “il problema ambientale a lungo termine n. 1”. Se presidenti e senatori si sono fidati di Broecker per raccontare loro le brutte notizie, era abbastanza bravo per la Exxon.

L’azienda aveva studiato il problema del biossido di carbonio per decenni, da prima che cambiasse il suo nome in Exxon. Nel 1957, gli scienziati di Humble Oil pubblicarono uno studio che rilevava “l’enorme quantità di anidride carbonica” che, a partire dalla Rivoluzione Industriale, era emessa in atmosfera “dalla combustione di combustibili fossili”. Già allora, l’osservazione che la combustione di combustibili fossili aumentava la concentrazione di carbonio nell’atmosfera fu ben compresa e accettata dagli scienziati di Humble. Ciò che era una novità, nel 1957, era lo studio per quantificare quale percentuale delle emissioni era stata prodotta dall’industria del petrolio e del gas.

L’American Petroleum Institute, la più grande associazione di categoria del settore, pose la stessa domanda nel 1958 attraverso il suo gruppo di studio sull’inquinamento atmosferico e replicò i risultati ottenuti da Humble Oil. Così ha fatto un altro studio A.P.I. condotto dallo Stanford Research Institute un decennio dopo, nel 1968, che ha concluso che la combustione di combustibili fossili avrebbe portato “significativi cambiamenti di temperatura” entro l’anno 2000 e, infine, “seri cambiamenti ambientali a livello mondiale”, tra cui lo scioglimento della calotta antartica e l’innalzamento dei mari. Era “ironico”, notarono gli autori dello studio, che i politici, i regolatori e gli ambientalisti si concentrassero sugli episodi locali di inquinamento atmosferico che erano immediatamente osservabili, mentre la crisi climatica, i cui danni sarebbero stati di gran lunga più gravi e di maggiore portata, rimanesse del tutto inascoltata.

Il rituale si ripeteva a scadenze ravvicinate. Gli scienziati del settore, per volere dei loro dirigenti aziendali, hanno riesaminato il problema e hanno trovato validi motivi di preoccupazione e soprattutto giustificazioni per non fare nulla. Perché dovevano intervenire quando quasi nessuno all’interno del governo degli Stati Uniti – e nemmeno all’interno del movimento ambientalista – sembrava preoccupato? Inoltre, come disse il National Petroleum Council nel 1972, i cambiamenti climatici probabilmente non sarebbero stati evidenti “almeno fino alla fine del secolo”. L’industria aveva abbastanza crisi urgenti: la legislazione antitrust introdotta dal senatore Ted Kennedy; le preoccupazioni per gli effetti sulla salute della benzina; le battaglie per il Clean Air Act; e lo shock finanziario della regolamentazione del benzene, che ha aumentato il costo di ogni gallone di gas venduto in America. Perché affrontare un problema difficile da risolvere che non sarebbe stato riscontrato finché questa generazione di funzionari non fosse andata in pensione in sicurezza? Peggio ancora, le soluzioni sembravano più punitive del problema stesso. Storicamente, l’uso dell’energia era correlato alla crescita economica – più combustibili fossili si bruciano, meglio è diventata la nostra vita. Perché rovinare tutto questo?

Wallace Broecker non pensò molto di una delle proposte della Exxon per il suo nuovo programma sul biossido di carbonio: testare l’aria tappata in bottiglie di vino francese d’annata per dimostrare quanto i livelli di carbonio fossero aumentati nel tempo. Ma ha aiutato il suo collega Taro Takahashi con un esperimento più ambizioso, condotto a bordo di una delle più grandi superpetroliere della Exxon, la Esso Atlantic, per determinare quanto carbonio gli oceani potevano assorbire prima di rimetterlo nell’atmosfera. Sfortunatamente, lo studentello appena laureato che si era trasferito sulla petroliera sbagliò il lavoro, e i dati tornarono un casino.

Shaw non avrebbe avuto più tempo. Nel 1978, un collega della Exxon diffuse una nota interna che avvertiva che l’umanità aveva solo cinque o dieci anni prima che fosse necessaria un’azione politica. Ma il Congresso sembrava pronto ad agire molto prima. Il 3 aprile 1980, il senatore Paul Tsongas, un democratico del Massachusetts, tenne la prima udienza congressuale sull’accumulo di biossido di carbonio nell’atmosfera. Gordon MacDonald testimoniò che gli Stati Uniti dovevano “prendere l’iniziativa” e sviluppare, attraverso le Nazioni Unite, un modo per coordinare le politiche energetiche di ogni nazione per affrontare il problema. Quello stesso giugno, Jimmy Carter firmò l’Energy Security Act del 1980, che diresse l’Accademia Nazionale delle Scienze per avviare uno studio pluriennale e completo, da chiamare “Changing Climate”, che analizzasse gli effetti sociali ed economici del cambiamento climatico. Più urgentemente, la Commissione Nazionale sulla qualità dell’aria, su richiesta del Congresso, aveva invitato due dozzine di esperti, tra cui lo stesso Henry Shaw, ad una meeting in Florida per suggerire una politica climatica.

Sembrava che fosse inevitabile una qualche tipo di legislazione per limitare la combustione del carbonio. Il rapporto Charney aveva confermato la diagnosi del fenomeno – un problema che la Exxon aveva contribuito a creare. Ora la Exxon avrebbe contribuito a dare forma alla soluzione.

Approfondimenti

– New York Times: Climate Change Investigation “Losing Earth”, l’introduzione
– New York Times: Climate Change Investigation “Losing Earth”, il Prologo
– New York Times: New York Times Climate Change Investigation “Losing Earth”, 1a parte, capitoli 1 e 2
– New York Times: New York Times Climate Change Investigation “Losing Earth”, 1a parte, capitoli 3 e 4

Approfondimenti & correlati