di Giovanni Pivetta
22 Marzo 2019
Fermiamo i cambiamenti climatici: stop finanza insostenibile

Sulla scia della straordinaria crescita, a livello internazionale oltre che in Italia, del movimento “fridays for future” rilanciamo la campagna incentrata sulla questione del disinvestimento dall’industria dei combustibili fossili.

Crediamo sia necessario diffondere una maggiore consapevolezza sul legame tra finanza e cambiamenti climatici, e riteniamo che il momento sia propizio perché anche nel nostro paese soggetti pubblici e privati intraprendano azioni concrete di disinvestimento, contribuendo così a costruire un futuro a bassa intensità di emissioni di carbonio.

Vuoi vivere e abitare ecosostenibile?
Se vuoi vivere meglio rispettando la Terra e sei Bio, ricicli, riusi e condividi la lotta ai cambiamenti climatici generati dal riscaldamento globale del Pianeta non puoi avere Azioni o Fondi dell’Industria dei combustibili fossili.

Guarda il video della petizione #StopFinanzaInsostenibile


Facciamo capire a ogni cittadino e agli investitori istituzionali che il disinvestimento da titoli azionari e obbligazionari o da fondi di società che estraggono e commercializzano carbone, petrolio e gas è prioritario perché non si può consentire che i maggiori responsabili dell’inquinamento ambientale e dei cambiamenti climatici in corso chiedano e ricevano sussidi e risorse da investire.
Non con i nostri soldi!

Fermiamo il degrado ambientale. Infatti, l’ambiente è un bene collettivo, patrimonio dell’intera umanità. Ed è responsabilità di ognuno di noi; una responsabilità che non può che essere trasversale. la combustione delle fossili nella quantità attuale porta al surriscaldamento globale, che è il killer principale della civiltà moderna ed è la causa primaria dei cambiamenti climatici.

Sottoscriviamo: 10.000 firme da consegnare al MINA e al MISE.
Firma la petizione #StopFinanzaInsostenibile

Approfondimenti & correlati