di Giovanni Pivetta
4 Giugno 2020
ECOBONUS 2020, Campagna pubblica per i patti chiari sull'efficienza energetica degli edifici
Campagna d'informazione sull'Ecobonus 2020 per i patti chiari sull'efficienza energetica

L’EFFICIENZA ENERGETICA SPIEGATA

FOCUS ECOBONUS 2020
Tutto quello che devi sapere per risparmiare dal 50 al 110% e ridurre bollette e spese dal 30 al 60% con interventi di manutenzione straordinaria garantiti e certificati. Da oggi la manutenzione straordinaria di casa (Condomìni, Ville, appartamenti) con gli incentivi fiscali cedibili fino al 110% è alla portata di tutti. Falla ora che si può!

DIRETTE STREAMING D’INFORMAZIONE SU COME FARE I LAVORI CON L’ECOBONUS AL 110%
L’efficienza energetica spiegata, guarda e ascolta le dirette streaming d’informazione sulla pagina Facebook: Habitami e sul canale Youtube: Habitami TV a cura di Habitami Energy & Building Advisor, Ecoconsulente tecnico economico fiscale per l’efficienzaenergetica garantita e certificata con gli esperti Cristiana Ceruti e Giovanni Pivetta

Decreto Rilancio

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Rilancio (legge 19 maggio 2020, n. 34) che introduce detrazioni fiscali per spese sostenute tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 in riferimento a ristrutturazione ed efficientamento energetico di edifici e immobili a qualsiasi destinazione d’uso.
Titolo VI – Misure fiscali:
Art. 119 – Incentivi per efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica di veicoli elettrici
Art. 121 – Trasformazione delle detrazioni fiscali in sconto sul corrispettivo dovuto e in credito d’imposta cedibile

Patti chiari sull’efficienza energetica in Italia

Rilanciamo l’economia con la sostenibilità che sia qualità negli interventi di efficienza energetica degli edifici. Quale migliore occasione per una rigenerazione urbana delle nostre città, con le opportunità del nuovo Ecobonus a condizione di rispettare le linee guida per una manutenzione straordinaria garantita e certificata del patrimonio immobiliare. Prima di commissionare lavori leggi “Urban Regreeneration” 2020 il Manifesto per la sostenibilità degli edifici.

Legenda Ecobonus e Sismabonus 2020

Nota bene – Abbiamo suddiviso la spiegazione delle misure fiscali introdotte per: classificazione di lavori incentivati in ragione della % di detrazione associata alla destinazione d’uso degli edifici e/o immobili e ai soggetti contribuenti a cui spettano le detrazioni fiscali e alla cessione del credito e/o sconto in fattura.

Interventi di efficienza energetica incentivati al 50%

• SERRAMENTI E INFISSI
• SCHERMATURE SOLARI
• CALDAIE A BIOMASSA
• CALDAIE A CONDENSAZIONE CLASSE A

Interventi di efficienza energetica incentivati al 65%

• SERRAMENTI E INFISSI*
• SCHERMATURE SOLARI*
• CALDAIE A CONDENSAZIONE CLASSE A*
(*) in parti comuni condominiali o tutte le unità del condominio
• RIQUALIFICAZIONE GLOBALE DELL’EDIFICIO
• CALDAIE CONDENSAZIONE CLASSE A+ Sistema termoregolazione evoluto
• GENERATORI DI ARIA CALDA A CONDENSAZIONE
• POMPE DI CALORE
• SCALDACQUA A PDC
• COIBENTAZIONE INVOLUCRO
• COLLETTORI SOLARI
• GENERATORI IBRIDI
• SISTEMI di BUILDING AUTOMATION
• MICROCOGENERATORI
ATTENZIONE: Se esegui il lavori A, B o C (vedi sotto) puoi avere il 110% anche sugli interventi di efficienza energetica incentivati al 65%

Tempistiche degli incentivi fiscali al 50 e 65%:
I lavori incentivati al 50 e 65% devono essere effettuati entro il 31 dicembre 2020. E possono essere detratti in 10 anni.

Massimali degli incentivi fiscali al 50 e 65%:
da 30.000,00 a 60.000,00 Euro (50%) a seconda degli interventi
da 30.000,00 Euro a 100.000,00 Euro (65%) a seconda degli interventi

Agli incentivi fiscali del 50 e 65% possono accedere:
– Tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento.
In particolare, sono ammessi all’agevolazione:
– le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni
– i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali)
– le associazioni tra professionisti
– gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

Immobili che possono accedere agli incentivi fiscali del 50 e 65%:
Tutti gli immobili ma i titolari di reddito d’impresa possono fruire della detrazione solo con riferimento ai fabbricati strumentali che utilizzano nell’esercizio della loro attività imprenditoriale (risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 340/2008).
Per esempio, non possono usufruire dell’agevolazione le imprese di costruzione, ristrutturazione edilizia e vendita, per le spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica su immobili “merce” (risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 303/2008).

Interventi di efficienza energetica incentivati al 70%

• INTERVENTI SU PARTI COMUNI DEI CONDOMINI
(coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente)

Interventi di efficienza energetica incentivati al 75%

• INTERVENTI SU PARTI COMUNI DEI CONDOMINI
(Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + QUALITA’ MEDIA dell’involucro)

Interventi di efficienza energetica incentivati al 80%

• INTERVENTI SU PARTI COMUNI DEI CONDOMINI
(Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + riduzione 1 classe Rischio sismico)

Interventi di efficienza energetica incentivati al 85%

• INTERVENTI SU PARTI COMUNI DEI CONDOMINI
(Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + riduzione 2 o più classi Rischio sismico)

Tempistiche degli incentivi fiscali al 70, 75% (Ecobonus), 80 e 85% (SismaBonus):
I lavori devono essere effettuati entro 31 dicembre 2021. E possono essere detratti in 10 anni.

Massimali degli incentivi fiscali al 70, 75% (Ecobonus), 80 e 85% (SismaBonus):
40.000,00 Euro a unità abitativa (70, 75%)
96.000,00 Euro a unità abitativa (80 e 85%)

Agli incentivi fiscali al 70, 75% (Ecobonus), 80 e 85% (SismaBonus) possono accedere:
– Tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento.
In particolare, sono ammessi all’agevolazione:
– le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni
– i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali)
– le associazioni tra professionisti
– gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

Immobili che possono accedere al 70, 75% (Ecobonus), 80 e 85% (SismaBonus):
I Condomìni, ovvero sono incentivati i lavori nelle parti comuni.

Interventi di efficienza energetica incentivati al 90%

• BONUS FACCIATE
(interventi influenti dal punto di vista termico o che interessino l’intonaco per oltre il 10% della superficie disperdente complessiva totale dell’edificio)

Tempistiche del Bonus Facciate al 90%:
I lavori devono essere effettuati entro il 31 dicembre 2020. E possono essere detratti in 10 anni.

Massimali degli incentivi fiscali al 90%:
Importo massimo detraibile illimitato

Al Bonus Facciate al 90% possono accedere:
– Tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento.
In particolare, sono ammessi all’agevolazione:
– le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni
– i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali)
– le associazioni tra professionisti
– gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

Immobili che possono accedere al Bonus Facciate al 90%:
Immobili si trovino nelle zone A e B (indicate nel decreto ministeriale n.1444/1968) o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali.

Interventi di efficienza energetica incentivati al 110%

A) INTERVENTI SU PARTI COMUNI DEI CONDOMINI
(coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + criteri ambientali minimi per materiali isolanti + miglioramento 2 classi o massimo conseguimento possibile con dichiarazione asseverata di tecnico abilitato a ENEA) cedibile anche agli Istituti di Credito.

B) SOSTITUZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI CENTRALIZZATI CON CALDAIA CONDENSAZIONE CLASSE A, POMPE DI CALORE, SISTEMI IBRIDI, GEOTERMIA anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici o impianti di microgenerazione cedibile anche agli Istituti di Credito.

C) SOSTITUZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI CON POMPE DI CALORE, SISTEMI IBRIDI, GEOTERMIA anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici o impianti di microgenerazione
per le case unifamiliari, cedibile anche agli Istituti di Credito.

• INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, ACCUMULO
in aggiunta a lavori A o B o C, obbligo di cessione dell’energia non autoconsumata al GSE, cedibile anche agli Istituti di Credito
• INSTALLAZIONE DI COLONNINE
in aggiunta a lavori A o B o C, cedibile anche agli Istituti di Credito

ATTENZIONE: Se esegui il lavori A, B o C puoi avere il 110% anche sugli interventi di efficienza energetica incentivati al 65%

Tempistiche dell’Ecobonus/Sismabonus al 110%:
I lavori devono essere effettuati tra il 1° luglio 2020 ed il 31 dicembre 2021. E possono essere detratti in 5 anni.

Massimali degli incentivi fiscali al 110%:
interventi di isolamento termico 60.000 Euro per unità immobiliare
caldaia centralizzata o autonoma 30.000 Euro per unità immobiliare
impianti solari fotovoltaici 2.400 Euro per ogni kW di potenza nominale per un massimo di 48.000 Euro
sistemi di accumulo 1.000 Euro per ogni kW di capacità di per un massimo di 48.000 Euro
colonnine per la ricarica di veicoli elettrici 3.000 Euro

All’Ecobonus/Sismabonus al 110% possono accedere solo:
– i Condòmini;
– le persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su unità immobiliari;
– gli Istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati nonché dagli enti aventi le stesse finalità sociali dei predetti Istituti, istituiti nella forma di società che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di “in house providing” per interventi realizzati su immobili, di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica;
– le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci.

Immobili che possono accedere all’Ecobonus/Sismabonus al 110%:
Il beneficio fiscale del 110%, non spetta se le spese si riferiscono a interventi su edifici non adibiti ad abitazione principale, ovvero non riguarda le seconde case, gli immobili delle imprese, gli uffici utilizzati per lo svolgimento della professione e, in generale, tutti i soggetti IRES.
Le seconde case possono rientrare nell’agevolazione solo se si trovano all’interno di condomini in cui si stanno effettuando lavori generali di efficientamento energetico.
Sono sempre esclusi gli immobili cat A1 – A8 – A9

Attenzione:
– il contribuente per accedere alla cessione o allo sconto dovrà richiedere il visto di conformità rilasciato da Caf o Commercialisti
– per accedere alla cessione o allo sconto il progetto e i relativi costi devono essere asseverati da un tecnico abilitato che dovrà aver stipulato polizza di assicurazione della responsabilità civile con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni o asseverazioni e, comunque, non inferiore a 500 mila euro

INVITO
Ora, per ulteriori approfondimenti, puoi richiedere una consulenza ecosostenibile Habitami Energy & Building Advisor

Approfondimenti & correlati